La Missione Sportiva

  • Stampa

L'Associazione "La Missione Sportiva" nata nel 2009 ha dato modo di costituire una rete ancor più forte sul territorio che vede coinvolte famiglie, servizi ASL, il Comune, le scuole associazioni Provinciali e Comunali ed altre Società Sportive Questa associazione dilettantistica sportiva si concretizza dopo diversi anni di attività sportiva, grazie alla consapevolezza crescente dell’importanza dello sport nella vita di tutti i giorni, quale promotore di benessere e di una migliore qualità della vita. I benefici che intendiamo raggiungere attraverso questa iniziativa sono molteplici: favorire il contatto interpersonale e l’integrazione , condurli verso un’educazione e un controllo della motricità attraverso l’insegnamento, e la pratica dello sport.
Organizza con cadenza annuale il "Trofeo La missione Sportiva". Alla manifestazione, prendono parte atleti diversamente abili di moltissime associazioni di tutta la Provincia e oltre, che gareggiano fianco a fianco coi ragazzi delle scuole sarzanesi.

TANTISSIMI atleti, gare di ogni tipo, tanto entusiasmo e, perché no, anche voglia di arrivare primi al traguardo. Ma a vincere davvero al primo Trofeo «La Missione sportiva» organizzato al Miro Luperi di Sarzana, sono state solidarietà e integrazione. Alla manifestazione, che ha riempito lo stadio sarzanese, hanno preso parte atleti diversamente abili di moltissime associazioni di tutta la Provincia e oltre, che hanno gareggiato fianco a fianco coi ragazzi delle scuole sarzanesi. «La Missione sportiva», che ha organizzato queste «olimpiadi» di atletica leggera, è un’associazione sportiva nata un anno fa al centro Le Missioni di Sarzana. La presidente Alessandra Rastello ha voluto dedicare un grazie agli studenti che hanno partecipato. «Sono stati meravigliosi — ha detto — hanno fatto da veri facilitatori, davvero importanti per l’integrazione per cui ci battiamo. Per noi il rapporto con le scuole è importantissimo: li abbiamo invitati come pubblico e loro hanno voluto partecipare alle gare, davvero un grazie». In pista gli atleti delle Polisportiva della Spezia e di Quinto a Genova, Centro Antares di Lerici, Apo di Massa e naturalmente Missione sportiva di Sarzana che ha riportato diverse vittore nelle molte gare proposte che andavano dai 30 metri cammino e carrozzine, ai 50 m di corsa, ai 100 m veloce, senza dimenticare lancio del vortex, della pallina e staffetta. Con loro tutti i ragazzi della II F del liceo scientifico Parentucelli e Simone Moretti della V B. Hanno aderito con grande entusiasmo anche le scuole medie di Sarzana. I ragazzi della Poggi-Carducci si sono distinti per il loro impegno delle gare e hanno ricevuto molti complimenti dagli organizzatori stessi. «Abbiamo pensato che fosse un’occasione importante, del resto l’integrazione è importantissima soprattutto per la scuola», hanno spiegato le insegnanti Paola Acconci e Rosanna Piattoni che con i colleghi Antonella Vizzi, Roberto Romeo, Milena Podestà e Cristina Santucci hanno accompagnato la folta delegazione sportiva della Poggi-Carducci, composta dagli alunni Susanna Aru, Diana Draganescu, Desy Vianello, Agnese Forceri, Paolo Gianfranceschi, Madiha Chabti, Aurora Caleo, Moahamed Nouri, Valentina Castagna, Davide Italiani, Edoardo Bertoletti, Yufu Ferrari, Laura Sergiampietri, Edoardo Versi e Luigi Spadaccini

AddThis Social Bookmark Button